Apple premiata ancora da Greenpeace

Nel 2012 abbiamo creato una media di 8kg di rifiuti raee a testa ed è stato calcolato che entro il 2014 ci saranno più dispositivi connessi ad internet che persone sulla terra. Su questo problema possono lavorare i consumatori acquistando in modo critico e differenziando correttamente, ma anche le aziende che devono contrarsi sue 3 punti in particolare

1) Energia
2) Sostanze tossiche
3) Design

Solo concentrandosi su questi tre fattori le aziende potranno fare la differenza ed è per questo che Greenpeace da sempre spinge perchè i grandi produttori di elettronica entrino in competizione tra loro. Ecco perchè è da poco uscito il nuovo rapporto dell’associazione chiamato Green gadgets: designing the future nel quale vengono descritti i progressi di tutte le aziende del settore e quali siano i punti da migliorare.

Ancora una volta è l’azienda di Cupertino a dominare la classifiche grazie al suo impegno nel detoxicizzare i propri prodotti ma anche nell’alimentare la sua server farm in modo 100% rinnovabile.
La cosa veramente notevole dell’azienda resta però, a mio avviso, il fatto che di questa sostenibilità ne faccia una bandiera ed un vanto. Alcuni mesi fa infatti la home del sito Apple.com fu dedicata proprio all’impegno per l’ambiente ed anche un video ufficiale mostra quanto la Apple tenga alla sua immagine di azienda green. Perchè i concorrenti non iniziano a copiare anche questo?

Matteo Nardi

Giornalista ciclista. Scrivo di ambiente e tecnologia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.