Come risparmiare in casa: i consigli dello smart meter NED

Come risparmiare in casa riducendo i consumi energetici? Si può iniziare dal cambio delle lampadine: le LED, le lampadine a basso consumo energetico, dal primo settembre con l’entrata in vigore della direttiva europea 244 hanno infatti mandato in pensione quelle alogene. Una scelta che ridurrà annualmente i consumi del nostro Paese di 48 TWh di energia, permettendo alle famiglie italiane di risparmiare circa 115 euro l’anno, secondo i dati dell’Enea.

Per scoprire altri modi per risparmiare in casa, risparmiando sulla bolletta e riducendo allo stesso tempo l’impatto sull’ambiente, arrivano i consigli di NED, il primo smart meter Made in Italy inventato dalla startup Midori. NED si collega facilmente al quadro elettrico di casa e tramite un’app per smartphone permette di calcolare i kWh consumati dagli elettrodomestici e risparmiare sulla bolletta fino al 20% ogni anno, grazie a consigli e suggerimenti sulle abitudini di consumo. Fino al 24 settembre Midori sarà presente su Mamacrowd, la principale piattaforma di equity crowdfunding in Italia, con l’obiettivo di raccogliere adesioni da parte di investitori privati ed aziende: i fondi saranno investiti da Midori per incrementare le funzionalità dello smart meter NED

Ecco alcuni consigli di NED per capire come risparmiare in casa.

Frigorifero: in estate i consumi aumentano del 50%

La temperatura raccomandata per il frigorifero è tra 1° e 4°C: per ogni grado al di sotto di queste temperature il consumo sale del 5%. Come misurato da NED, in estate il consumo del frigo può aumentare del 40-50%, perché lavora sulla differenza di temperatura interna del frigo e quella di casa, nei mesi estivi più alta di alcuni gradi rispetto all’inverno. Ecco perché deve essere sempre posizionato lontano da fonti di calore (forno o luce diretta del sole) e periodicamente sbrinato. Inoltre quando si lascia casa per lunghi periodi è preferibile svuotarlo e staccarlo dalla presa elettrica.

Lavatrice e lavastoviglie: prediligere cicli freddi ed “eco”

Per non sprecare acqua ed energia, NED consiglia di avviare lavatrici e lavastoviglie quando sono a pieno carico e preferibilmente con lavaggi a basse temperature per i panni o scegliendo la modalità “eco” nel caso delle stoviglie. Escludendo il prelavaggio nella lavatrice e l’asciugatura nella lavastoviglie, si risparmia inoltre fino al 15% di energia, mentre un altro 30% di risparmio deriva dalla pulizia regolare del filtro e dall’uso di decalcificanti.

Condizionatori d’aria: in estate +10% sui consumi di casa

Come rilevato dai test condotti da Midori con NED, tenere acceso il condizionatore in casa per circa 50 minuti fa registrare un consumo medio di 712 Wh, con un aumento medio del 10% sul consumo totale della casa. NED ha registrato anche eccessi di utilizzo, in cui i condizionatori d’aria sono stati accesi per 7 ore in un giorno consumando circa 7kWh, cioè quanto un’intera giornata di una famiglia media italiana (consumo annuo di circa 2700 kWh). Alzare anche solo di 1° C la temperatura impostata permette un risparmio del 7%.

Apparecchi elettrici: non lasciare in standby

Lasciare i dispositivi in standby porta comunque ad un consumo di elettricità: un televisore acceso per tre ore al giorno, lasciato in modalità stand by durante le rimanenti 21 ore, consuma circa il 40% dell’energia necessaria al suo funzionamento. Basta un piccolo sforzo: spegnendo il tasto “Off” di computer, decoder, stampanti e tutti gli apparecchi elettrici si ha infatti un risparmio del 5-10%, che aumenterà se si installano multiprese con interruttore e se si staccano del tutto dalla corrente tutti i piccoli elettrodomestici che non vengono usati frequentemente, come sistemi audio (casse e Hi-Fi), caricabatterie, etc.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.