La scienza in valigia: un tour didattico a tutta energia

scienzavaligiaImparare giocando: una vera e propria formula magica…o scientifica! Con questa idea infatti parte il Tour “La Scienza in Valigia”, ideato da Marco Santarelli, Direttore Ricerca&Sviluppo di Network: si tratta di un ciclo di appuntamenti didattico-culturali rivolto alle nuove generazioni per promuovere divertendo la cultura scientifica legata alla sostenibilità ambientale


“Questi incontri –ha detto Santarelli- nascono da un’idea mutuata con l’ astrofisica Margherita Hack con cui ho lavorato, ed hanno la finalità di fare divulgazione scientifica ai ragazzi e non in maniera consapevole, divertente e attenta. Vogliamo creare un dialogo continuo con i ragazzi e i genitori”

Lo spettacolo “scientifico”, un vero e proprio percorso-gioco, parte dal concetto di Rete. La rete è Internet, ma anche unione delle persone, la classica rete sociale, ma soprattutto è Energia e Social Network. Con una serie di descrizioni che coinvolgono la platea, si dimostreranno le proprietà dell’energia partendo da semplici esperimenti/giochi: raggi solari che alimentano un pannello fotovoltaico; esperimenti con il radiometro di Crooks, il cosiddetto mulino a luce, per comprendere come l’energia assomigli molto alla rete che ci fa parlare con i telefonini e attraverso i social; una sperimentazione esclusiva del progetto dell’energia libera e per tutti. I ragazzi diventano anche protagonisti di questo percorso dovendo mettere in scena una giornata senza energia elettrica.Guest star dello spettacolo sarà il salva-energia BiroRobot.

I primi appuntamenti di questo tour alla scoperta della scienza, che girerà in tutta Italia, saranno l’1, il 2 e il 9 luglio a San Benedetto del Tronto con un campus con 2.000 studenti: la tappa è stata organizzata con la collaborazione della cooperativa sociale “SPORT è FESTA”.

“L’obiettivo generale –conclude Santarelli- è quello di rendere i cittadini consapevoli delle incredibili possibilità offerte dalla scienza, ma allo stesso tempo rispettosi e coscienti dei rischi che si possono nascondere dietro ad un comportamento di noncuranza e superficialità”.

 

The Ecoowl

Redazione - The Ecoowl

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.